Slide 1 Slide 2 Slide 3 Slide 4 Slide 5 Slide 6 Slide 7 Slide 8 Slide 9 Slide 10 Slide 11
EN IT

CENNI STORICI

Il Moscato di Scanzo è prodotto da un vitigno autoctono di antichissima tradizione, riconosciuto a livello europeo negli anni '70.

Per quanto ci consta è uno dei vini più antichi d'Italia, nominato già nel testamento di Alberico da Rosciate del 26 marzo 1350 "...lascio al figlio Tacino la Bersalenda, ove si coltiva il moscato rosso...", sempre dello stesso secolo sono i riferimenti di Castello Castelli e Donato Calvi.

Gli storici fanno risalire la sua origine attorno all'anno 1000 a.C., epoca del leggendario Ateste che, fuggendo da Troia, giunse nella zona veneta di Este, poi di Padova, espandendosi verso ovest fino a raggiungere il fiume Serio che ne divenne il confine territoriale. Dagli Atestini venne fondato il villaggio denominato Ros (dal greco, mazzo d'uva), che con l'aggiunta del celtico ate divenne Rosate (come si legge nella relazione del capitano Dalesse al governo di Venezia), divenuto poi Rosciate all'inizio del XIX secolo. Caio Giulio Cesare stabilì nella zona dell'attuale Scanzo un accampamento militare comandato da un centurione della famiglia degli Scantii, da qui Scantius ora Scanzo. Nel 1600 Scanzo e Rosciate furono per la prima volta fusi in un unico comune. In seguito, verso la metà dello stesso secolo, su richiesta dei Rosciatesi il Comune venne di nuovo diviso. Con la legge di riforma territoriale del 1927, come successe ad altri Comuni, Scanzo venne unito a Rosciate con la nuova denominazione di Scanzorosciate.

Giacomo Quarenghi, nativo della Valle Imagna, sposò una certa Mazzoleni che aveva proprietà sia in Pedrengo che in Rosciate, tra le quali una casa con annesso un rustico in quest'ultima località. Divenne la sua definitiva residenza sino alla sua partenza per San Pietroburgo chiamato dalla zarina Caterina. Portò con sè, per omaggiare la zarina, il prodotto più importante delle sue tenute rosciatesi: il Moscato di Scanzo. Nel 1850, unico vino italiano, il Moscato di Scanzo veniva quotato alla Borsa di Londra per 50 ghinee alla botticella.

Ancora oggi un socio produttore è fornitore della Real Casa d'Inghilterra.